Tempo di lettura stimato: 4 Minuti
Il Diario del Benessere Titolo-10 Sturare il lavandino: 11 rimedi naturali Rimedi Naturali  sturare il lavandino soda caustica rimedi naturali prodotti chimici o naturali 11 rimedi naturali
Immagine 1

Spesso ci capita i dover fare i conti con cattivi odori causati da lavabi otturati, intasati da residui di cibo, saponi, ma soprattutto da capelli e residui di calcare, e quindi come sturare il lavandino?

Non c’è nulla di cui spaventarsi però, perché non sempre bisogna ricorrere a mezzi costosi: nella maggioranza dei casi basta un po’ di accortezza e la giusta dose di pazienza.

Come evitare i prodotti chimici?

Sturare il lavandino, quindi, come accennato in precedenza, non necessita sempre di mezzi costosi come un idraulico e di prodotti pensati appositamente per sturare il lavandino che si trovano in vendita.

Quello di cui discuteremo in queste poche righe, saranno 11 rimedi semplici e veloci per sturare il lavandino (se vi va fatemi sapere voi quale utilizzate).

Perciò, niente paura, la prossima volta, saprete come affrontare il problema!

In particolare, se l’ingorgo nelle tubature non è tale da richiedere la mano di uno specialista, eviterete sprechi di tempo e soprattutto di denaro.

Cerchiamo di vedere, a questo punto, gli 11 rimedi semplici e veloci per sturare il lavandino, seguimi:

5 rimedi semplici e veloci per sturare il lavandino.

Acqua calda: per le otturazioni di lieve entità e nel caso non abbiate nessuno degli ingredienti che elencheremo, aiutatevi con una pentola di acqua bollente.

Versate l’acqua bollente poco alla volta sull’ingorgo ed aiutatevi con un utensile di metallo in modo da eliminare il tappo che si è venuto a formare dall’accumulo di sporcizia.

Può capitare, difatti, che residui di cibo, ciuffi di capelli si insidino nella parte ricurva dei tubi provocando un ingorgo nelle tubature che non sempre ha un buon odore.

Bicarbonato e aceto di alcool: unire bicarbonato ed aceto di alcool crea una reazione che favorisce la liberazione delle tubature.

Versate un bicchiere e mezzo di bicarbonato e due bicchieri di aceto nel lavabo otturato.

Aggiungete poi, un litro di acqua bollente e attendete qualche minuto, dopodiché aiutatevi con qualche utensile di metallo per mandare via lo sporco.

Bicarbonato e sale: è il rimedio che più preferisco per sturare il lavandino.

Nel caso abbiate il lavandino otturato e non vogliate spendere soldi per idraulici e prodotti chimici, versate sull’ingorgo 3 cucchiai di sale grosso, 4 cucchiai di bicarbonato e versate una pentola di acqua molto calda.

Shampoo e bagnoschiuma: shampoo e bagnoschiuma, possono aiutare a sturare il lavandino in modo molto veloce e profumato.

Alcune volte l’odore che emana l’ingorgo nelle tubature è davvero fastidioso, quindi, utilizzare il bagnoschiuma o lo shampoo è un’alternativa molto valida.

Versiamo un bicchierino nelle tubature e lasciamo agire per 4/5 ore;  versiamo poi, una pentola di acqua bollente.

Detersivo per i piatti: anche il detersivo ha un ruolo importante in caso di ingorghi nelle tubature.

In particolare, il detersivo ecologico, smuove l’ingorgo ed elimina lo sporco presente nelle tubature.

Versate mezzo bicchiere di detersivo per piatti nelle tubature con un litro di acqua calda ed attendete qualche minuto.

Ulteriori 3 rimedi semplici e veloci

Soda caustica: ricorrere alla soda caustica, cioè all’idrossido di sodio, è un rimedio infallibile, ma bisogna prestare la giusta attenzione.

Pertanto, il  consiglio che voglio darvi è il seguente: per sturare il lavandino con l’utilizzo della soda, in primo luogo è importante mettere dei guanti, in secondo luogo, se potete,  indossate un paio di occhiali ed in terzo luogo appena versate il composto allontanatevi e attendete che agisca.

Versate due/tre cucchiai di soda nelle tubature, versateci sopra una pentola di acqua bollente ed allontanatevi.

Bibite gassate: ebbene si! Avete capito bene, le bibite gassate sono  spesso utilizzate per sturare il lavandino.

Basta versarle nelle tubature otturate e lasciare agire.

Noterete che, in pochi minuti, renderanno il tubo del lavandino libero da ogni occlusione.

Acido citrico e bicarbonato: la reazione di questi semplici ingredienti è la stessa dell’aceto.

Liberare le tubature da ingorghi utilizzando l’acido citrico e il bicarbonato è davvero molto semplice e veloce:

versate un bicchiere di acido citrico, un bicchiere quasi pieno di bicarbonato, versate sopra una pentola di acqua bollente e lasciate agire.

Ultimi 3 rimedi per sturare qualsiasi ingorgo

Soda da bucato: la soda da bucato è un ottimo rimedio non solo per sturare il lavandino, ma soprattutto per prevenire la formazione di ingorghi nelle tubature.

La soda da bucato è reperibile in commercio e fra i suoi tanti utilizzi vi è quello di sturare e prevenire le otturazioni nei lavabi.

Si tratta del carbonato di sodio: un prodotto ecologico per la pulizia della casa.

Versate in media 4/5 cucchiai. Ovviamente la quantità di soda da utilizzare dipenderà dall’otturazione del lavabo.

In ogni caso, basterà versare la soda nelle tubature e versarci sopra un litro di acqua calda.

Acqua calda, sale e aceto: sturare il lavandino con gli ingredienti appena citati è semplicissimo, difatti:

basteranno un litro di acqua calda, 6 cucchiai di sale e due bicchieri di aceto di vino.

Lasciamo riscaldare un litro di acqua, versiamo dentro il sale, poi versiamo tutto nelle tubature ed aggiungiamo l’aceto.

Basterà lasciare agire per una decina di minuti circa e noteremo come l’ingorgo nelle tubature, scomparirà e l’acqua fluirà come deve.

Sturalavandino: molto probabilmente è un rimedio che conoscete tutti, chi non lo conosce?

E’ un rimedio che risulta essere molto valido per liberare le tubature dagli ingorghi.

Lo sturalavandino è la classica ventosa semi-morbida, dotata di un manico di legno ed utilizzarla è molto semplice, difatti:

basterà riempire il lavandino con un po’ acqua, meglio se calda, fare aderire la ventosa attorno al foro di scarico, creare il vuoto premendo il manico verso il basso e tirare.

Ripeti l’operazione, se necessario. Il risucchio della ventosa riesce a liberare ogni tipo di ingorgo nelle tubature.

Conclusione

Se con i rimedi sopra elencati non dovessi riuscire a sturare il lavandino, recati da uno specialista per evitare ulteriori danni.

Alcune volte l’ingorgo nelle tubature è tale che per sturare bisogna smontare le tubature.

Il mio consiglio è quello di prevenire la formazione di ingorghi nelle tubature, pulendo e sturando di tanto in tanto le tubature con i rimedi precedentemente elencati, così da evitare ogni situazione di disagio.

Il Diario del Benessere foto-cresh Sturare il lavandino: 11 rimedi naturali Rimedi Naturali  sturare il lavandino soda caustica rimedi naturali prodotti chimici o naturali 11 rimedi naturali