Tempo di lettura stimato: 4 Minuti

Il salto con la corda che, fino a qualche anno fa interessava solo coloro che praticano l’arte del pugilato, è diventato un esercizio molto diffuso tra le persone perché versatile, facile da eseguire e con innumerevoli benefici. 

Purtroppo però, ancora oggi, il salto con la corda è un esercizio sottovalutato perché non sempre si ha la costanza e la determinazione per imparare la tecnica

Cerchiamo di capire a questo punto quali sono i benefici, quale la tecnica e quali le controindicazioni

Cos’è il salto con la corda e quali sono i benefici? 

Continuando, aggiungiamo che, il salto con la corda o, skipping rope, è un esercizio che viene eseguito per l’appunto con una corda. 

La sua versatilità  lo rende un esercizio che può essere svolto ovunque, indossando un paio di scarpette da ginnastica e procurandosi una corda: è possibile utilizzare anche un filo per stendere i vestiti, una cinta di cuoio oppure una fune. 

Tuttavia, è sempre meglio acquistare un prodotto munito di impugnatura per allenarsi comodi. 

Il salto con la corda, come detto poco fa, offre innumerevoli benefici e risulta essere utile per bruciare calorie, acquisire tono e resistenza muscolare, ridurre la cellulite

Cerchiamo di vedere più nel dettaglio i benefici del salto con la corda, seguimi! 

Benefici allenamento con la corda 

I benefici per cui sarebbe importante cominciare ad allenarsi con il salto della corda sono molteplici: 

  • Il salto con la corda, ma più in generale gli sport ad alta intensità, migliorano la salute cardiorespiratoria

Il salto con la corda provoca un aumento dei battiti cardiaci e ciò risulta essere ottimo per la salute del cuore. 

Saltare con la corda inoltre, aumenta il VO2max. 

Il VO2max, il volume massimo di ossigeno che può essere consumato durante una contrazione muscolare. 

Più alto risulta essere tale valore e maggiore è la resistenza cardiovascolare durante l’allenamento. 

Infine, studi a riguardo hanno dimostrato come il salto con la corda riduca il rischio di malattie cardiovascolari. 

  • Bruciare un numero considerevole di calorie: il salto con la corda se praticato ad un ritmo sostenuto e per circa 20 minuti permette di bruciare più o meno 300 calorie. 

Il salto con la corda può essere, quindi, considerato un esercizio cardio e un “brucia grassi” a tutti gli effetti anche perché: 

lo stimolo muscolare derivante dal salto con la corda, crea calore nel corpo e aumenta la frequenza cardiaca. 

L’aumento di calore nel corpo provoca un dispendio energetico maggiore e il corpo per mantenere stabili i livelli di energia nei muscoli brucia le calorie. 

Ecco, quindi, perché il salto con la corda favorisce una perdita di peso costante. 

  • Il movimento dei piedi e dei polsi durante il salto con la corda migliora la capacità di coordinazione. 
  • Il salto con la corda riduce il rischio di infortunarsi durante una sessione di allenamento o wod crossfit.  

Con il miglioramento della coordinazione, durante il salto con la corda, i muscoli diventano più agili e le ossa più forti e dense, questo perché: 

con il salto della corda stressiamo muscoli e ossa a causa dell’impatto con il terreno.  

Lo stress osseo, che non deve essere eccessivo, provoca un rimodellamento delle ossa e dei muscoli facendoli diventare più forti e meno propensi a lesionifratturelussazioni o infortuni vari. 

  • Core e muscoli delle spalle più tonici: il salto con la corda non favorisce solo il dimagrimento (sempre se abbinato ad una corretta alimentazione), ma  tonifica, altresì, vari gruppi muscolari. 

Continuando, quindi, aggiungiamo che durante l’allenamento con la corda vengono coinvolti vari muscoli come, quadricipite femorale, quadricipite, polpacci, glutei, adduttori, abduttori, trapezio, deltoidi e il core. 

  • Il salto con la corda, come emerso da studi e ricerche, aumenta le capacità cognitive. 

Le ricerche hanno affermato che, aiuta lo sviluppo degli emisferi il che migliora la capacità di lettura, rende più attivi ed è un ottimo allenamento per la memoria a breve e lungo termine. 

Infine, è un ottimo alleato per scaricare o prevenire lo stress

  • Il salto con la corda aiuta a contrastare o prevenire la cellulite e la ritenzione idrica perché, il movimento continuo permette di rafforzare in primo luogo, i muscoli delle gambe; in secondo luogo, favorisce il ritorno venoso plantare, quindi, miglioramento della circolazione sanguigna con conseguente diminuzione di cellulite e ritenzione idrica. 
  • Il salto con la corda è inoltre, pratico, versatile e alla portata di tutti. 

Come detto in precedenza, per il salto con la corda occorrono scarpe e corda ed è possibile praticarlo dove più preferiamo. 

  • Infine, il salto con la corda permette di godere subito dei risultati: basteranno una decina di giorni per migliorare la resistenza, la forma fisica e il tono muscolare. 

Qual è la tecnica corretta? 

Sebbene possa sembrare un esercizio di facile esecuzione, richiede alcuni accorgimenti da seguire per evitare infortuni. 

È bene, quindi:  

  • Tenere il capo in posizione rilassata e guardare un punto a qualche metro di distanza davanti a sé. 
  • Tenere la schiena in posizione eretta e non irrigidirla. 
  • Durante il salto non irrigidire le spalle.  

Irrigidire i muscoli potrebbe solo portare ad un affaticamento e ad uno spreco di energie. 

  • Tenere i gomiti vicino al corpo. Durante il movimento sono i polsi che si attivano, non le braccia. 
  • Durante l’allenamento, il movimento, cioè il saltello, è ad opera delle caviglie, quindi, non flettere troppo le gambe per evitare problemi alle ginocchia. 
  • Mentre saltiamo con la corda, inoltre, è l’avampiede ad imprimere la spinta, non il piede. 
  • Infine scegliere delle calzature comode e non esagerare con l’allenamento. 
Controindicazioni 

Nonostante parliamo di allenamento, anche quello con la corda possiede alcune controindicazioni. 

Prima di cominciare, cerchiamo di capire il nostro stato di salute sia ossea, sia muscolare che cardiaca. 

È infatti, sconsigliato a chi soffre di alcune patologie ossee o tendinee come: distorsioni, lesioni, lussazioni, scoliosi, ernia, etc. 

Meglio non praticarlo se si soffre di patologie al cuore. 

È sconsigliato a coloro che versano in un forte stato di obesità perché il salto potrebbe gravare sulle ossa. 

Infine, è sempre meglio sottoporsi ad una visita specialistica per valutare l’idoneità al salto.

Leggi anche: Amrap: i 12 benefici dell’allenamento ad alta intensità

Circuito tabata: bruciare i grassi e restare in forma con pochi esercizi

Camminata dopo i pasti: benefici o controindicazioni?

Wod crossfit: quali sono le fasi dell’allenamento workout of the day?

Esercizi per i glutei: allenamento consigliato per renderli più tonici

Esercizi per gambe: aumentare la forza senza andare in palestra

Squat bulgaro: benefici, muscoli coinvolti, esecuzione ed errori da evitare

Rassodare le gambe con il Bar Method: è possibile?

Camminare tre volte a settimana per un’ora fa dimagrire?

Correre o camminare: quale attività favorisce una perdita di peso maggiore?

Addominali scolpiti con l’E.M.O.M: Come fare?

Plank: i benefici per una parete addominale tonica

Allenarsi dopo mangiato: quante ore bisogna aspettare per fare attività?

Mangiare prima o dopo l’allenamento?

Estate foto creata da marymarkevich – it.freepik.com

Il Diario del Benessere foto-cresh Salto con la corda: benefici, tecnica e controindicazioni Fitness&Wellness  tecnica salto con la corda quali sono i benefici del salto con la corda cos'è il salto con la corda controindicazioni salto con la corda benefici allenamento con la corda