Tempo di lettura stimato: 4 Minuti

Messa a punto nel vecchio continente da un dottore, la dieta del minestrone aveva l’obiettivo di aiutare chi era in un certo stato di obesità per evitare ulteriori complicanze.

La dieta del minestrone veniva consigliata, per un periodo di tempo limitato, a chi doveva ricevere interventi chirurgici per la sua capacità di far smaltire, in poco tempo, un bel po’ di chiletti.

E’ infatti, in grado di mettere in moto il metabolismo bruciando un numero considerevole di calorie con conseguente perdita di grasso corporeo.

E’ stato recentemente dimostrato, che la dieta del minestrone permette di bruciare fino a dieci kg in dodici giorni.

Cos’è la dieta del minestrone?

La dieta del minestrone consiste nell’assumere, come alimento principale, la minestra di verdure che si può preparare in diversi modi. Infatti, in base agli alimenti che si scelgono durante la preparazione, può essere adatta:

  • Sia ad un’alimentazione di tipo vegetariano: non prevede carni di alcun tipo al suo interno.
  • Sia ad un’alimentazione completa nel caso in cui si scelga di aggiungere alla minestra anche carboidrati, proteine, minerali e vitamine.

Come si segue questa dieta?

Seguire la dieta del minestrone significa ingerire una porzione di minestrone abbinata ad altri cibi che siano anch’essi sani e nutrienti.

Un esempio “tipo” di dieta del minestrone potrebbe essere quello di consumare per i primi tre giorni solo minestrone di verdure, tè o spremute di frutta non zuccherate.

Il Diario del Benessere WhatsApp-Image-2020-03-02-at-13.52.16-1024x576 Metodo della dieta del minestrone Dieta  dietadelminestrone dieta
Immagine schematica dieta del minestrone;
  • Dal quarto giorno, il minestrone può essere abbinato a yogurt e frutta.
  • Dopo il quinto giorno la dieta del minestrone prevede il consumo di carne.
  • Trascorsa una settimana è possibile integrare con una piccola quantità di riso integrale o farro.

In ogni caso è bene non seguire questo regime alimentare per più di dodici giorni.

Per aumentarne l’efficacia è altresì consigliabile praticare un’attività aerobica come una corsa leggera o una passeggiata di trenta minuti. Tuttavia è bene non esagerare dato lo scarso apporto proteico.

Quali sono i suoi aspetti nutrizionali?

Sotto il profilo nutrizionale, la dieta del minestrone non sembra rientrare in quello che si può definire “sano” regime alimentare.

Si tratta di un piatto ipocalorico, cioè povera di calorie e proteine, a patto che non si decida di condire la minestra con patate o legumi.

Sai che: Il basso apporto di calorie/proteine favoriscono il catabolismo muscolare: il corpo, per sintetizzare alcuni enzimi si avvale delle proteine muscolari.

Anche le vitamine sono presenti in percentuali minime. Si tratta principalmente di vitamine termolabili che vengono alterate con il calore, quindi perdono i principali effetti;

e di vitamine fotolabili che vengono alterate posizionando le verdure sotto una fonte di luce.

I sali minerali, invece, sono presenti in buona percentuale.

Quali sono i pregi/difetti ?

  • La dieta del minestrone non offre benefici concreti, se non fosse che si bruciano grassi molto velocemente.
  • Pochissime calorie, difficili da quantificare per via della varietà degli alimenti con cui la si prepara.
  • La dieta del minestrone è poco proteica. Le uniche fonti di proteine sono quelle dei legumi, della carne e del pesce. E dato che l’organismo ha bisogno di una fonte di proteine energetiche, nel caso fosse minimo l’apporto, l’organismo utilizzerà quelle muscolari, rallentando il metabolismo.
  • Quasi zero grassi, fatta eccezione per chi utilizza l’olio di oliva.
  • Colesterolo quasi assente.
  • La dieta del minestrone consente una perdita veloce di peso, tuttavia, una volta sospesa, il recupero dei chili persi sarà altrettanto repentino.

È a bassa sazietà perché la presenza di carboidrati altera l’indice glicemico. Quindi il soggetto che la segue non viene mai saziato totalmente.

Conclusione e raccomandazione

La dieta del minestrone non è sinonimo di sana e corretta alimentazione. Prima di cominciare a seguire una qualsiasi tipologia di dieta, è bene consultare un esperto.
Diffidate dalle diete “lampo”!

Leggi anche: Come essere snelli e bruciare il grasso addominale

Sai che: il Ganoderma lucidum fa perdere peso, perché?

Il reishi è un ottimo alleato per eliminare i chili di troppo: se oltre ad una corretta alimentazione, un’attività fisica costante abbiniamo l’utilizzo di ganoderma tutto sarà in discesa e il dimagrimento sarà assicurato.

Esso infatti agisce su alcuni parametri che coinvolgono il metabolismo, come ad esempio:

Migliora lo stato di circolazione sanguigna;

Regola i livelli di colesterolo;

Migliora le funzioni tiroidali, apportando benefici alla tiroide;

Aumenta le funzioni metaboliche, e quindi di digestione;

Difatti, com’è stato dimostrato una cattiva alimentazione e chili di troppo causano problemi circolatori e tutti sappiamo che problemi di circolazione portano alcuni problemi invalidanti, come l’aumento delle vene varicose.

Il reishi agisce positivamente sull’intero apparato circolatorio e la sua assunzione nel tempo apporta numerosi benefici all’intero organismo.

Dieta tonificante e drenante: cellulite

Altra causa di chili di troppo potrebbe essere un aumento del colesterolo cattivo nelle arterie o ad una disfunzione tiroidale che sfocia, di solito in aumento di grasso e addirittura obesità.

La sua assunzione determinerà il perfetto funzionamento delle funzioni metaboliche e di controllo del peso perché oltre alla presenza di Germanio organico e triterpeni contiene numerosi polisaccaridi che aiutano a dimagrire.

Inoltre, l’assunzione di questo meraviglioso rimedio naturale permetterà di depurare l’intero organismo apportando miglioramenti alla digestione.

Come tutti sappiamo, avere un metabolismo attivo significa principalmente non ingrassare, tenere a bada il peso e bruciare un numero consistente di calorie.

Leggi e scopri di più: Dieta del riso: in che modo procedere?

La Dieta delle 72 ore: perdere due kg, è possibile?

Dieta dello yogurt: i benefici e le sue controindicazioni

Dieta senza carboidrati: dimagrisci e resti in forma, è possibile?

Olive verdi e nere: sono importanti nella dieta?

Dieta contro la cellulite: drenante e dimagrante

Dieta plank: dimagrire e controindicazioni

Il Diario del Benessere foto-cresh Metodo della dieta del minestrone Dieta  dietadelminestrone dieta