Tempo di lettura stimato: 6 Minuti

Come curare le emorroidi esterne è un interrogativo assai frequente tra la popolazione.

Le emorroidi esterne difatti, sono un disturbo alquanto diffuso e doloroso tanto che, chi ne soffre, spesso decide di ricorrere ad alcuni interventi chirurgici.

I dolori ed i fastidi che apportano le emorroidi esterne, tuttavia si possono curare e lenire anche con alcuni rimedi naturali

ed è bene ricordare che le emorroidi esterne si possono addirittura prevenire con alcuni semplici accorgimenti che fra un po’ andremo a vedere.

Cosa sono le emorroidi esterne?

Le emorroidi esterne non sono altro che dilatazioni venose esterne, posizionate in prossimità dell’ano e di colore scuro: il colorito dipende dal grado di infiammazione.

Tale fenomeno può risultare morbido al tatto, ma nei casi di infiammazioni si ingrossano, indurendosi e diventando fastidiose e dolorose.

Le emorroidi che siano interne oppure esterne non devono mai e poi mai essere trascurate perché potrebbero peggiorare con il tempo provocando sanguinamenti, forti pruriti e addirittura forti infezioni.

La scelta più ovvia sarebbe quindi, quella di intervenire con alcuni rimedi naturali disinfettanti, astringenti e lenitivi.

In conclusione quindi, aggiungiamo che le emorroidi possono essere curate con approcci diversi, vediamoli:

Alleviare il fastidio con alcuni rimedi

Le emorroidi esterne, qualora siano di natura lieve, tendono a scomparire dopo alcuni giorni senza richiedere l’intervento medico.

In queste occasioni però, ma non solo è bene avere una corretta igiene con lavaggi più o meno frequenti e ricorrere a rimedi naturali.

In alcuni casi, di natura più lieve, il vostro medico curante può consigliare l’applicazione di alcune pomate

per alleviare i dolori delle emorroidi esterne, in altri casi invece, il vostro medico di fiducia potrebbe indicarvi:

1) Cortisonici: per tale disturbo i cortisonici sono i più utilizzati perché leniscono l’infiammazione e l’edema, apportando un senso di rilassamento.

2) Anestetici locali: contro le emorroidi esterne, sempre su consiglio del proprio medico, si possono applicare alcuni anestetici locali che aiutano ad eliminare il fastidio, il dolore e, qualora fosse presente, anche il prurito.

3)Pomata all’elicriso: contro le emorroidi esterne l’elicriso ha un effetto lenitivo ed antinfiammatorio.

4) Integratori da assumere per via orale: per le emorroidi esterne poi, si possono assumere alcuni integratori che vi consiglierà il vostro medico di fiducia.

5) Lavaggi frequenti: come detto in precedenza, l’igiene personale è d’obbligo per la prevenzione di numerose infezioni, quindi è consigliabile lavare spesso il tratto anale in modo da ammorbidire le emorroidi; meglio con acqua tiepida.

Evitiamo assolutamente l’utilizzo di acqua fredda, credendo di alleviare il fastidio, perché potrebbe provocare un indurimento e un dolore alquanto fastidioso.

E’ bene ricordare, però che i tre rimedi sopra elencati devono essere prescritti solo ed esclusivamente dal vostro medico di fiducia che saprà seguire meglio il caso e prescrivere la giusta cura, qualora fosse necessaria.

Formazione di emorroidi ed accorgimenti per prevenirle

Tutti almeno una volta nelle vita ci siamo chiesti perché si formino le emorroidi esterne, vero?

Cominciamo col dire che, la formazione delle emorroidi, dipende da vari fattori, vediamoli:

1) Mal funzionamento fisiologico legato alla pressione sanguigna all’interno del tratto anale che causa una distensione dei vasi che, a sua volta, causa un rallentamento del flusso ematico e provoca numerosi coaguli.

2) Obesità, malattie cardiache, gravidanza, parto, stipsi, colon irritabile, scorretta alimentazione, assunzione di bevande gassate, cibi piccanti ed igiene personale scadente.

Le emorroidi esterne, così come le emorroidi interne, possono essere di varia natura e la loro infiammazione dipende dall’occlusione della vena che fa fluire il sangue in un punto.

In alcuni casi, il dolore è davvero insopportabile tanto che si ricorre ai trattamenti chirurgici che purtroppo, non sempre, sembrano avere esito positivo, nel senso che:

dopo un trattamento chirurgico contro tale fenomeno può anche capitare che si verifichi, nuovamente, un prolasso emorroidale.

Sarebbe buona norma, quindi mettere in atto alcuni semplici consigli così da prevenire il prolasso emorroidale ed evitare così la formazione di questo fastidioso disturbo.

Alcuni rimedi per la prevenzione emorroidale

Per la prevenzione delle emorroidi esterne sembra essere piuttosto utile l’assunzione di alcuni integratori naturali capaci di regolarizzare il transito intestinale.

Contro le emorroidi esterne regolare il transito intestinale è molto importante, poiché, come detto, la stipsi e il colon irritabile sono le prime due cause di comparsa delle emorroidi.

Assumere poi alimenti ricchi di fibre, frutta e verdure, come ad esempio:

ciliegie, prugne, pere, cereali, frutta secca, legumi;

assumere almeno 2l di acqua ogni giorno ed aiutarsi con alcuni infusi e tisane.

Un rimedio molto efficace sarebbe quello di utilizzare il ganoderma lucidum capace di favorire il transito intestinale e di ammorbidire le feci, rendendo così l’intestino più attivo.

Rimedi naturali per lenire il fastidio

Una volta accennato cosa siano le emorroidi esterne e appurato che possono essere prevenute, o quanto meno lenire i fastidi, passiamo ad accennare ad alcuni rimedi idonei.

I rimedi naturali per le emorroidi esterne che descriveremo in queste righe non sono gli unici in grado di alleviare il disturbo, ma sono quelli più indicati in caso di prolasso emorroidale.

Ad esempio, un ottimo rimedio naturale contro le emorroidi esterne può essere il gel di aloe vera, quello di ippocastano ed il ganoderma lucidum.

Questi, oltre ai loro effetti caratteristici, possiedono proprietà antidolorifiche, antisettiche in grado di eliminare quelle fastidiose sensazioni di bruciore, prurito e talvolta dolore lancinante.

Altri rimedi naturali contro le emorroidi esterne potrebbero essere:

Centella asiatica che risulta essere un ottimo rimedio ricco di saponine:

risulta essere utile per le emorroidi esterne e per la circolazione venosa e grazie alla asiaticoside aumenta la resistenza dei capillari.

La centella asiatica svolge attività cicatrizzanti, flebotoniche e migliora la salute del tessuto connettivo.

In caso di insufficienza venosa, varici, emorroidi e cellulite si rivela un potentissimo alleato.

Utilizzare il rusco, l’olio di iperico e limone

Il rusco, così come la centella asiatica, è un ottimo rimedio naturale perché contiene una forte dose di saponine.

Il rusco contro le emorroidi, ma non solo, è un ottimo alleato perché svolge alcune azioni antinfiammatorie ed apporta benefici ai vasi sanguigni.

Il suo utilizzo è fortemente indicato per i seguenti casi: flebiti, emorroidi esterne, ritenzione idrica, edemi e cellulite.

L’olio di iperico viene utilizzato per il trattamento delle emorroidi esterne per il suo alto potere cicatrizzante, disinfettante e astringente.

L’olio di iperico può essere anche utilizzato per le distorsioni, dolori articolari e per concludere aggiungiamo che, possiede alcune proprietà antisettiche e antibatteriche.

Infine, un ulteriore rimedio naturale contro la cura delle emorroidi è il limone che sarebbe meglio utilizzare come prevenzione.

L’azione tonificante del limone stimola il sistema circolatorio e migliora la circolazione linfatica e venosa.

Le innumerevoli proprietà del limone fanno sì che venga utilizzato in caso di emorroidi esterne (come aggiunto in precedenza) per gambe pesanti, edemi, vene varicose e soprattutto in caso di cellulite.

Conclusione

Da come abbiamo potuto capire quindi, i sintomi emorroidali possono essere alleviati o addirittura evitati agendo su alcuni fattori, come ad esempio:

l’igiene e la corretta alimentazione oltre che, io aggiungerei, una costante attività fisica che sembra essere  la cura ad ogni male.

I consigli elencati sono alla base di ogni cura e prevenzione contro le emorroidi esterne.

E’ bene ricordare inoltre, che le emorroidi esterne non devono essere trascurate e sarebbe buona norma recarsi dal proprio medico di fiducia per spiegare i fastidi e la sintomatologia così da intraprendere la giusta terapia.

Leggi anche: Bicarbonato contro le emorroidi: è efficace?

Emorroidi: quali potrebbero essere le cause?

Emorroidi post parto: riconoscerle e rimedi naturali

Stitichezza: perché è più diffusa tra le donne? In che modo debellarla?

Il Diario del Benessere foto-cresh Le emorroidi esterne: come curarle? Rimedi Naturali  rimedi naturali per prevenire le emorroidi esterne rimedi naturali contro le emorroidi esterne formazione di emorroidi e accorgimenti emorroidi esterne cosa sono le emorroidi esterne alleviare le emorroidi esterne