Tempo di lettura stimato: 3 Minuti

La castagne sono un frutto tipico della stagione autunnale, dei cui innumerevoli  benefici, purtroppo, possiamo godere solo fino a dicembre.

Come accennato, possiedono numerose proprietà; in particolare, la domanda che spesso si pongono le persone  che soffrono di ipercolesterolemia è:

le castagne regolarizzano il colesterolo? Bene, la risposta è positiva, ma cerchiamo di capire meglio alcune proprietà di questo meraviglioso frutto.

Le castagne sono un frutto da un potere saziante, ricche di minerali e fibre, utili in caso di anemia, stanchezza e dolori.

Le castagne risultano essere, altresì, utili anche in gravidanza perché ricche di acido folico.

Avete bisogno di ulteriori delucidazioni, vero? Nessun problema, cercheremo di fare chiarezza a riguardo.

Cosa sono le castagne?

Ricollegandoci a ciò che abbiamo detto finora, aggiungiamo che le castagne, frutto dell’albero selvatico Castanea Sativa, hanno forme e dimensioni variabili.

Anche se crescono sullo stesso albero le castagne possono avere forma e colore differenti.

Questo meraviglioso frutto autunnale possiede innumerevoli proprietà tra cui: regolarizza i livelli di colesterolo, riequilibra la flora batterica intestinale, migliora il collegamento dei nervi ed è ricco di vitamine.

Le vitamine che troviamo all’interno della castagna sono la tiamina, la vitamina B1, la vitamina A, la riboflavina cioè la vitamina B2, la B3, la niacina, la B5, B6, B9, vitamine del gruppo B12, C, D e vitamina E.

Invece, gli amminoacidi presenti nelle castagne sono: l’acido aspartico, l’acido glutammico, l’arginina, serina e la treonina.

Sono inoltre presenti, potassio (utile per i muscoli e ghiandole), fosforo (calcificante), zolfo dal potere antisettico e disinfettante, sodio che è utile per l’assimilazione di vitamine e minerali, magnesio, calcio e cloro che rinforzano denti e tendini.

I benefici non finiscono qui, difatti, le castagne contengono anche acidi fenolici, sostanze antinfiammatorie e una percentuale alta di fibre.

Questo frutto regolarizza il colesterolo?

Dopo questa panoramica generale sulle proprietà delle castagne, mi voglio concentrare sui benefici delle castagne e, in particolar modo, sulla loro capacità di regolarizzare il colesterolo.

Beh, che dire, essendo la castagna un alimento di origine vegetale non contiene colesterolo; strano, vero?

Ricordiamoci che ogni prodotto o frutto di origine vegetale non contiene o quanto meno possiede una percentuale di colesterolo quasi trascurabile.

Le castagne regolarizzano il colesterolo, quindi, sono consigliate a quella tipologia di persone che soffre di ipercolesterolemia.

Come abbiamo detto poco fa, contengono una percentuale di fibre molto elevate, che, per l’appunto, limitano l’assorbimento di colesterolo.

Le castagne regolarizzano il colesterolo grazie alla presenza di omega 3 ed omega 6.

Per dirne un’altra aggiungiamo che, la presenza di acidi all’interno della castagna regolarizza la pressione sanguigna perché gli omega 3 riducono i trigliceridi, mentre gli omega 6 regolarizzano la percentuale di colesterolo cattivo.

Quindi alla domanda: le castagne regolarizzano il colesterolo? Cosa rispondiamo? Certo che sì! E’ un errore non mangiarle di tanto in tanto.

Ma, oltre a regolarizzare il colesterolo e la pressione sanguigna, possiedono altri benefici questi frutti?

La risposta è sì! Sei curioso di conoscerli? Se lo sei, continua seguirmi, ti ruberò solo qualche altro minuto, promesso!

Tre fantastici benefici delle castagne

Regolarizzare il colesterolo con le castagne è quindi possibile, ma è bene sapere che: ci fanno sentire più in forma, combattono l’anemia (di cui sono affetti milioni di persone), migliorano il collegamento delle fibre nervose.

Ci fanno sentire più in forma: la presenza di carboidrati e calorie le rendono un utile alleato per combattere stress e stanchezza fisica; ci consentono di recuperare le forze.

Occhio però, a non abusarne troppo, cerchiamo di mangiarle una volta a settimana.

Utili per l’anemia: la percentuale di ferro contenuta nelle castagne è utile per contrastare l’anemia.

Essendo ricche di acido folico (come aggiunto in precedenza) evitano la stanchezza da gravidanza, ma soprattutto alcuni studi hanno dichiarato che sono capaci di prevenire la malformazione del feto.

Migliorano il collegamento di fibre nervose: essendo ricche di sali minerali e fosforo aiutano a potenziare l’attenzione, la memoria ed i processi cognitivi.

Possono mangiare tutti questo meraviglioso frutto?

Abbiamo visto che le castagne regolarizzano il colesterolo, l’anemia, migliorano le prestazioni fisiche, ma esiste qualche controindicazione a riguardo?

Sono controindicate a chi soffre di diabete perché sono ricche di zuccheri semplici e sarebbe meglio evitarle anche se si è allergici. Inoltre, non mangiarle crude in caso si sindrome del colon irritabile perché potrebbero irritare le pareti intestinali.

Infine, nonostante gli innumerevoli benefici e proprietà delle castagne, cerchiamo di non esagerare: consumarle una volta a settimana, può bastare.

Leggi anche: Castagne al forno: la preparazione

Il colesterolo si può regolarizzare?

Colesterolo alto: quali sono i formaggi da evitare?

Proprietà frutta secca: benefici e valori nutrizionali

La frutta secca: come mangiarla?

Colon irritabile: che cos’è? E quali sono i sintomi?

Stress: quattro rimedi per contrastarlo

Il Diario del Benessere foto-cresh Le castagne regolarizzano il colesterolo cattivo? Fitness&Wellness  vitamine e minerali castagne salute Le castagne sono utili per l'anemia Le castagne regolarizzano il colesterolo le castagne ci fanno sentire più in forma benefici delle castagne