Tempo di lettura stimato: 2 Minuti

La liquirizia contro la gastrite è davvero così utile?

Cominciamo col dire che la risposta è: sì! 

Ma cerchiamo di capire prima cosa è la gastrite?

Procediamo, prenditi qualche minuto e seguimi passo dopo passo:

Come viene definita la gastrite?

La gastrite è un’infiammazione della mucosa gastrica che riveste le pareti interne dello stomaco e si manifesta provocando bruciore, dolore e soprattutto nausea ed acidità.

Le cause della gastrite sono riconducibili ad uno squilibrio interno di alcuni enzimi gastrici, quindi, perché la liquirizia è davvero così utile per lenire quanto meno questa infiammazione tanto invalidante?

La liquirizia è utile contro la gastrite?

La liquirizia risulta essere utile per le sue innumerevoli proprietà antinfiammatorie e, soprattutto, in caso di acidità o bruciore di stomaco perché tende ad aumentare le difese dello stomaco.

Gli squilibri interni, come accennato prima, generano l’acidità da cui è affetta più del 70% della popolazione.

I fattori scatenanti l’acidità potrebbero essere: il flusso ematico, la pepsina e una produzione eccessiva di acido all’interno dello stomaco.

Come tutti sappiamo, chi soffre di gastrite ha difficoltà a digerire e soprattutto tende a sentire un senso di pesantezza anche lontano dai pasti.

Le cause che possono generare la gastrite potrebbero essere:

consumo eccessivo di bevande alcoliche, stress, ansia, farmaci, fumo di sigaretta, consumo eccessivo di caffè e una scorretta alimentazione.

La liquirizia, quindi, ricapitolando, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, antispastiche, cicatrizzanti e protettive della mucosa gastrica, combatte i dolori ed i bruciori di stomaco e riesce a contenere o, quanto meno, a lenire i fastidi che provoca l’esofagite.

Che azione terapeutica svolge la glycyrrhiza glabra?

L’azione terapeutica della liquirizia, può essere utile per combattere la gastrite e tutti i fastidi che ne derivano.

La liquirizia è una pianta erbacea che cresce in Europa meridionale, più precisamente in: Russia, Turchia e Iran.

La radice di liquirizia contiene la glicirrizina, un glicoside dal sapore quasi dolce con alcune azioni antinfiammatorie e lenitive ( come detto in precedenza).

L’azione antinfiammatoria e terapeutica della liquirizia è dovuta ad un riduzione dell’enzima che metabolizza la prostaglandine.

L’assunzione moderata di liquirizia, quindi, aumenterebbe i livelli di enzimi buoni e protettivi per lo stomaco, con aumento di produzione del muco ed una diminuzione di acido gastrico.

Infine sembrerebbe essere utile anche per trattare la proliferazione dell’helicobacter.

Altri magnifici rimedi contro la gastrite, oltre la liquirizia potrebbero essere: la camomilla, la malva ed il ganoderma lucidum.

Secondo quanto riportato da vari studi, assumere liquirizia in caso di bruciore di stomaco è molto utile, quindi, perché non provarla?

Come assumerla in caso di gastrite?

Assumere liquirizia in caso di gastrite è molto utile, ma sarebbe meglio non superare i dieci grammi di radice di liquirizia cruda o sotto forma di infuso.

Inoltre, ci tengo a dire che chi soffre di ipertensione farebbe meglio ad evitare l’uso smodato di liquirizia così come coloro che soffrono di colecisti, carenza di potassio ed addirittura insufficienza renale.

Infine farebbero meglio ad evitare la liquirizia coloro che soffrono di ritenzione idrica e le donne in gravidanza.

Leggi anche: Meglio evitare la menta se si soffre di bruciori di stomaco e gastrite?

Il Diario del Benessere foto-cresh La liquirizia contro la gastrite: è davvero utile? Rimedi Naturali  ganoderma lucidum contro la gastrite è utile la liquirizia contro la gastrite come viene definita la gastrite come assumere la liquirizia azione terapeutica della liquirizia