Tempo di lettura stimato: 3 Minuti

L’intensità fragrante della pioggia è un profumo particolare che si avverte quando le temperature cominciano a farsi umide o ad esempio dopo giorni di siccità.

Ciò, come spiegano alcune ricerche, è normale ed è spiegabile dal punto di vista chimico/scientifico ed anche psicologico.

Fragranza della pioggia, perché ne siamo attratti?

Essere attratti dall’intensità fragrante della pioggia, da un punto di vista psicologico, è spiegabile perché ci ricorda tutti quei particolari momenti che ora sono irraggiungibili o semplicemente lontani,

come ad esempio una passeggiata in riva al mare, un calice di vino con una persona a noi cara, un viaggio o semplicemente l’assenza di qualcosa.

E’ bene sapere però, che essa, l’intensità fragrante della pioggia ha un nome che descrive tutte quelle sensazioni provate è per l’appunto passate.

Proprio per questo motivo l’intensità fragrante della pioggia smuove qualcosa nella nostra anima difficile da spiegare a parole e scatena in noi un enorme numero di sensazioni,

radicandosi quasi nella parte più profonda della nostra anima come un ricordo, un eco.

Il petricore, così com’è chiamata l’intensità fragrante della pioggia, deriva dalla lingua greca ed è l’unione di due parole πέτρᾱ “pietra” e ἰχώρ “icore”, linfa.

Intensità fragrante della pioggia e cause chimico/scientifiche.

Tutto ciò che ci circonda, e quindi tutto ciò che vediamo all’interno dell’atmosfera, in alcuni casi è riconducibile nei casi di temporali ad una fragranza molto particolare: è pungente, ma perché?

Dopo diverse settimane polverose si aspetta con impazienza l’arrivo di un temporale a purificare l’aria ed in effetti è così, perché

l’intensità fragrante della pioggia raccoglie gli odori di ogni cosa: alberi, erba, cemento, asfalto, metallo.

In seguito a un temporale la terra rilascia gli odori che ha accumulato,

derivanti da polveri, piante, alberi.. e da ciò deriva quel particolare “odore” che ci consente di presagire un temporale.

Fenomeni olfattivi e cause:

Petricore e curiosità

Verso la metà degli anni 60 alcuni chimici australiani Isabel Bear e R.G Thomas cercarono di scoprire quale fosse la causa scatenante

che dava origine all’intensità fragrante della pioggia, rendendo arida dell’argilla ed estraendo i composti che vi trovavano al suo interno.

Con tale esperimento si identificò una sostanza gialla che aveva un odore che ricordava l’intensità fragrante della pioggia.

E i due chimici idearono la parola petricore per indicare la fragranza della pioggia.

Dal punto di vista chimico, questa fragranza sembra essere il frutto della combinazione di acidi, idrocarburi e alcoli che vengono rilasciati quando piove.                                                                                      

Analizziamoli nel dettaglio:

Il Diario del Benessere Spiegazione Intensità fragrante della pioggia Fitness&Wellness  petricore ozono petricore oli e resine petricore geosmina petricore intensità fragrante della pioggia cause chimiche petricore
Intensità fragrante della pioggia

Ozono:

Il naso umano riesce a percepire molto facilmente la presenza di ozono nell’atmosfera proprio per il suo odore pungente.

Esso non va confuso con la nube di gas che circonda la terra e ci protegge dai raggi UV che si trova all’altezza della stratosfera.

La molecola di ozono che sentiamo bassa nell’atmosfera durante un temporale è la stessa, ma se è presente in alte percentuali nell’aria che respiriamo è altamente tossica per i polmoni.

Essa è liberata a causa di industrie, attività umane o da fonti naturali                                                                     

Per essere più precisi sotto il profilo chimico

quando l’intensità fragrante della pioggia arriva, e con essa si prepara un acquazzone, le cariche elettrostatiche che vengono prodotte dai lampi, innescano una serie di reazioni tra le molecole che compongono l‘atmosfera,

e l’azoto che nella tavola periodica è rappresentato dalla lettera N reagisce in modo sinergico con l’ossigeno andando a creare il monossido di azoto che può essere rappresentato con la sigla NO.

La reazione continua ancora e L’NO reagisce con l’ossigeno rappresentato con la lettera O2 e durante queste reazioni chimiche a catena capita molto raramente

che si formino molecole di ozono O3 che con il vento finisce per essere disperso nell’aria che respiriamo e quindi arriva direttamente sotto le nostre narici.

In ultima analisi quindi, possiamo affermare che le concentrazioni durante un temporale sono trascurabili e difatti risulta essere innocuo.

Geosmina intensa fragrante della pioggia:

La sensazione di pulito e l’intensità fragrante della pioggia sono di solito odori che sanno di terriccio. Ciò si verifica soprattutto se la pioggia è preceduta da giornate calde e non piovose.

Il motivo che scatena l’intensità fragrante della pioggia è causata da alcuni batteri presenti nel terreno,

appartenenti al genere Streptomyces, che durante il loro ciclo producono un composto organico: la geosmina.

Entrambe le fragranze della pioggia sin qui descritte ovvero, l’ozono e la geosmina, ricoprono un ruolo fondamentale e l’uno copre l’odore dell’altro nel senso che:

il naso umano avverte di più la presenza di geosmina rispetto a quella dell’ozono, ma in aree urbanizzate e quindi in città, la presenza di inquinamento e meno suolo libero fanno percepire di più l’ozono,

mentre invece in campo aperto si percepisce di più la geosmina a causa del terreno ampio.

Oli e resine vegetali:

L’odore di pulito accompagnato dall’intensità fragrante della pioggia, è causa di un altro profumo dolce, che è causato dagli oli e dalle resine di piante e fiori.

L’umidità presente nell’aria nel caso di temporali o semplicemente pioggia fanno in modo che queste resine viaggino molto facilmente e vengano trasportate dai venti.

Mi dispiace non poter fornire una spiegazione scientifica, ma come dimostrato da alcune ricerche e studi condotti i composti presenti nelle resine vegetali,

è che generano il profumo di pioggia non sono ancora del tutto note.

Conclusione

Come abbiamo potuto capire, l’intensità fragrante della pioggia ha radici profonde, pare infatti,

che i nostri antenati si avvalessero dell’olfatto per fare previsioni meteorologiche, così come gli animali selvatici lo sfruttano per cacciare.

Ne siamo quindi attratti perché ha un’origine alquanto radicata nel nostro patrimonio genetico.

Il Diario del Benessere foto-cresh Intensità fragrante della pioggia Fitness&Wellness  petricore ozono petricore oli e resine petricore geosmina petricore intensità fragrante della pioggia cause chimiche petricore