Tempo di lettura stimato: 4 Minuti

Il bruciore di stomaco in gravidanza è una fastidiosa sensazione che colpisce la popolazione di sesso femminile.

Cos’è il bruciore di stomaco in gravidanza?

Il bruciore di stomaco in gravidanza, è un fastidio invalidante che interessa la bocca dello stomaco e, in alcuni casi, può irradiarsi verso l’alto compromettendo le normali funzioni dell’organismo.

Il bruciore di stomaco in gravidanza lo si avverte, in maniera più accentuata durante la gravidanza: è tutta colpa degli ormoni e dell’aumento delle dimensioni dell’utero.

In genere, questo sintomo, il bruciore di stomaco in gravidanza si avverte dopo i primi mesi di gravidanza e per eliminare definitivamente la situazione di fastidio, bastano alcune regole quotidiane che farebbero bene non solo alle donne gravide, ma all’intero universo.

Da cosa dipende in gravidanza?

Durante la gravidanza, alcuni ormoni prodotti dal corpo (dalla placenta) come il progesterone, agiscono sull’organismo rilassando la muscolatura, attenuando le contrazioni uterine.

Il rilassamento della muscolatura durante la gravidanza, interessa tutta la muscolatura, in particolare la muscolatura dell’esofago e di una valvola che si trova all’interno dello stomaco:

lo sfintere esofageo che chiude l’apertura dello stomaco, rilassandosi solo nel momento in cui il cibo transita o in caso di vomito e di eruttazione.

In situazioni non analoghe, le valvole restano contratte, ma dai primi mesi di gravidanza, il numero di ormoni comincia ad aumentare all’interno del corpo e quindi si hanno alcuni effetti collaterali, come l’acidità o il bruciore di stomaco in gravidanza.

All’avanzare della gravidanza il bruciore di stomaco tende a peggiorare e questo accade perché la crescita della pancia compromette la normale forma dello stomaco:

tende a deformarlo rendendo ancor più difficile il giusto funzionamento delle valvole che ne regolano l’apertura e la chiusura.

La gravidanza, in alcuni casi, non fa altro che accentuare una patologia da reflusso presente già prima.

Esistono dei rimedi naturali per contrastare il fastidio?

Per ridurre questo fastidio e quindi il bruciore di stomaco in gravidanza possono bastare alcuni semplici accorgimenti:

  1. Pasti leggeri, ad esempio.

Decidere cosa mangiare, preferire ad esempio pasti leggeri e frequenti.

Se lo stomaco è troppo pieno le probabilità di reflusso sono maggiori.

Meglio evitare alimenti fritti, speziati, piccanti e insaccati.

Prediligere alimenti che aiutano lo stomaco a rilassarsi e a proteggere le mucose come: tisane, finocchio, sedano

2. Finocchio.

Il finocchio è considerato un alimento adatto per eliminare l’acidità e il bruciore di stomaco in gravidanza.

Grazie alla sua proprietà “basica” riesce a spegnere il “fuoco” ed accelerare la digestione e soprattutto è utile in caso di colon irritabile ed aerofagia.

Viene considerato da sempre adatto contro il bruciore di stomaco in gravidanza per il suo pH alcalino, basico e per le sue proprietà depurative.

3. Sedano o in alternativa prezzemolo.

Il sedano così come il prezzemolo aiutano l’apparato digerente a produrre saliva e a neutralizzare l’acidità durante la digestione.

Inoltre è ricco d’acqua e di fibre e presenta un basso contenuto calorico.

4. Alcool e fumo.

Eliminare alcol e fumo: è un sano consiglio rivolto a tutti e non solo alle donne gravide.

5. Vestiario comodo.

Scegliere vestiti comodi, alcuni indumenti possono premere sullo stomaco.

Ciò potrebbe alimentare il fastidio: troppa pressione non permette alla muscolatura di rilassarsi.

Contro il reflusso, poi?

Non dormire subito dopo aver mangiato: sdraiarsi subito dopo aver consumato un pasto potrebbe favorire il reflusso.

Dopo aver consumato un pasto è consigliabile un po’ di movimento, ad esempio e sono sufficienti anche una ventina di passi, in modo da attivare il metabolismo ed evitare al contempo il bruciore di stomaco in gravidanza e il reflusso.

E’ meglio aspettare due ore prima di riposarsi.

Ultimo consiglio non meno importante è quello:

E’ consigliabile dormire con la testa e la parte del tronco leggermente sollevate dal materasso.

Potrebbe essere utile l’utilizzo di due cuscini.

Non dimenticarsi di dormire minimo otto ore.

Leggi anche: La gravidanza e le emorroidi: cause e rimedi naturali

Emorroidi post parto: riconoscerle e rimedi naturali

Mal di pancia da ciclo: quali sono le cause?

Mal di testa da ciclo: perché si avverte un dolore lancinante?

Assumere il ganoderma in gravidanza: è possibile?

Il Diario del Benessere foto-cresh Bruciore di stomaco in gravidanza Rimedi Naturali  rimedi naturali bruciore di stomaco in gravidanza da cosa dipende il bruciore di stomaco in gravidanza cos'è il bruciore di stomaco in gravidanza consigli contro il bruciore di stomaco in gravidanza